Un videowall che mostra in diretta la brigata di cucina
all’opera oppure le videoricette del maestro Antonio Tubelli, lo chef di Gourmeet. L’impatto è forte e il coinvolgimento immediato: obiettivo, promuovere l’agroalimentare di qualità.

«Il videowall – racconta Alessandro Pervito – è composto da 4 monitor Sharp PN-Y475. Questi modelli hanno diversi punti di forza: la cornice ha una dimensione sottile e il costo è alla portata anche di anche di budget più contenuti. Poi hanno l’audio integrato e sono silenziosi per l’assenza di ventole. Per generare un’immagine unica, formata con i 4 monitor, abbiamo sfruttato la funzione videowall integrata nei monitor stessi. Per gestire le diverse sorgenti, invece, è presente una matrice HDMI 4×4 HDBaseT, compatibile DVI. Attualmente, alla matrice sono collegati due telecamere HD utilizzate per riprendere la preparazione dei piatti in cucina, un DVD/BD player e un decoder Sky. L’intero sistema è molto flessibile: è gestibile da remoto via rete e RS-232 oppure in locale via IR. I segnali in uscita dalla matrice sono cablati con cavo Cat6».